mercoledì 22 novembre 2017

DI BATTISTA LASCIA IL PALAZZO E DA' L' ESEMPIO.

/ /  


POLITICA

M5s, Alessandro Di Battista dice addio al Palazzo. E dà l’esempio

M5s, Alessandro Di Battista dice addio al Palazzo. E dà l’esempio

i
di Angelo Mazzoleni
Ci sono moltissimi personaggi della politica italiana che farebberocarte false pur di entrare in Parlamento. C’è chi invece, per libera scelta, decide di lasciarlo ancor prima del termine dei due mandati, previsti dal non statuto del M5S. Credo stia anche in questo la differenza tra questa forza politica e la partitocrazia.

martedì 14 novembre 2017

Se Silvio Berlusconi ritorna è perché ogni Paese ha il governo che si merita

/ /  di 


POLITICA


I post scritti dai lettori



di Angelo Mazzoleni
Strano Paese l’Italia. Moltissimi bravi cittadini si lamentano di una classe politica indegna, di un sistema malato e corrotto, dell’ economia disastrata da decenni di malgoverno. Eppure, quando si tratta di dare il proprio contributo a un possibile cambiamento, una buona metà di italiani si astiene o vota sempre per quegli stessi soggetti che sono i primi responsabili dei disastri nazionali. Senso etico, consapevolezza, informazione critica pari a zero? Credo che queste siano solo una parte delle ragioni di fondo.

giovedì 8 giugno 2017

M5S: GOVERNARE BENE CON GLI UOMINI GIUSTI NEI POSTI GIUSTI

Non so quando andremo finalmente a votare, ma, riducendo il discorso all’ osso, a mio parere, governare bene significa avere, ben chiaro in mente, un progetto e modello alternativo di Paese, un programma completo in tutti i settori, una squadra preparata e degli economisti validi e alternativi di riferimento, soprattutto un bravo coordinatore che sappia mettere gli uomini competenti giusti al posto giusto.

venerdì 23 dicembre 2016

CASO RAGGI: LA BUFALA DELLE “LISTE DI PROSCRIZIONE” CONTRO I GIORNALISTI.

Ieri sera, a Piazza pulita, si è (finalmente) aperto un dibattito, tra alcuni giornalisti, sul comportamento dei media nei confronti della giunta Raggi. Telese, Rizzo, Rondolino e Lillo hanno tentato, un’ analisi, anche autocritica, sul trattamento mediatico riservato alla sindaca di Roma ed al M5S.Peccato che, a parte qualche onesta valutazione di Telese e di Lillo, peraltro limitata ad alcuni esempi, sia prevalso, inevitabilmente, l’interesse corporativo della categoria.

giovedì 8 dicembre 2016

MUOIA SANSONE E TUTTI I FIGLI SUOI

Lo schiaffone, preso dagli Italiani con la netta vittoria del no,  sembra non aver avuto effetti  salutari sulle caste partitocratiche di finta sinistra e di parte della destra. Neppure su quella di giornalisti e conduttori televisivi, visto il livello  della loro quotidiana  disinformazione politica.

lunedì 5 dicembre 2016

SALVA LA COSTITUZIONE, SI VA VERSO UN CAMBIAMENTO EPOCALE

Il no che gli Italiani hanno urlato, forte e chiaro, ieri,  in faccia a Renzi, non rappresenta semplicemente  la bocciatura di una schifoma costituzionale,  ma di una intera classe politica, di  un sistema  autoritario ed arrogante, eterodiretto dai poteri foti dei mercati e della finanza europei. 

martedì 15 novembre 2016

REFERENDUM, SEGUO LA LOGICA: STRAVINCE IL NO.

Qualcosa non torna nei sondaggi sul referendum, anche dando per discutibile, soprattutto  in una contesa politica, che  la matematica non   sia una opinione.
Facciamo qualche conto, sia pure senza oste:

mercoledì 9 novembre 2016

VINCE TRUMP? TENIAMOCI STRETTO ED ESPORTIAMO IL MODELLO PENTASTELLATO

Il terremoto politico generato dalle elezioni americane, è solo la prima grande crepa in un sistema globale malato, destinato a subirne ben altre, anche di riflesso  in una  Europa afflitta dalla stessa patologia.
 Leggendo le prime reazioni, stupisce …lo stupore: le travi della casa globale sono marce da tempo, tutti lo sapevano e lo sanno,  ma nessuno ha mai pensato a trovare il modo di  ripararle. Anzi molti di coloro che ora si stracciano le vesti ne sono stati indirettamente complici. Probabilmente continueranno ad esserlo.